Presumere dal latino “presumere” significa anticipare, pregustare, eseguire, impiegare, osare. Così presunzione, di persona che anticipa su tutto evitando le fasi di confronto. Chi immagina, deduce, si pone davanti ai fatti facendo delle congetture senza preoccuparsi di confutarle. E’ l’atteggiamento di chi si dà delle risposte da solo, illudendosi di leggere la realtà nel miglior modo possibile, credendo tra l’altro che tra le illazioni fatte si trovi sicuramente la verità. Chi adotta la presunzione come metodo d’indagine crede di essere al di sopra degli altri e di essere scaltro. Crede di essere avvantaggiato, di prevenire le azioni di chi è stato oggetto di tale indagine e di avere più possibilità di pervenire a conclusioni vantaggiose. Le azioni umane, che possono credersi tutte logiche come se fossero operazioni matematiche, sono effettuate con determinati stati d’animo, vale a dire tutte le situazioni di base in cui avvengono queste operazioni mentali. E così ci perdiamo, nei calcoli che passiamo in rassegna, tutta la parte intuitiva, sensibile della persona che può diventare determinante ai fini di un’azione. Chi presume elude questa sfera umana, si lascia trasportare dei fatti. Molte azioni umane vengono dai cosiddetti stati d’animo e non dalla ragione così come gran parte della nostra vita sfugge ad essa, altrimenti saremmo automi. Ma c’è di più. Chi presume, mentre affida al pensiero logico le vite degli altri, si affida al suo stato d’animo. Come se volessimo ingabbiare gli altri nella ragione mentre noi operiamo con l’animo presi da un’offesa, da un pretesto, uno spiegarsi che non si riesce a comprendere altrimenti.liberta-di-pensiero-orig-e1539360690882

Il risultato della presunzione è quello di mettere a tacere i nostri cani rabbiosi che incitano a contrastare gli altri mentre crediamo di stare noi nella ragione, e anche qui per ragione si intende giustizia piena, come se la giustizia non fosse essa stessa un estratto di raziocinio e consuetudine, etica e morale che investano anche l’animo. L’uomo vuol essere giusto con sé ma applicando altri metodi per altri. Mentre si presume perdiamo di vista le motivazioni per cui una persona è indotta a fare determinate azioni e non vogliamo ascoltare le sue motivazioni quanto suggerire le nostre. Una mancanza di ascolto porta alla presunzione, come un eccesso di ego che ci fa vedere gli altri come macchine e non umani. L’aspetto umano vale solo noi e non per gli altri. Presumere è credere di saper leggere gli altri e il mondo e avere davanti qualcosa di statico su cui scriverci. Il mondo invece è vasto e vario e cambia ad ogni attimo e i cambiamenti sono quanto di più insondabile e conoscibile che ci sia. Posso essere felice un attimo primo e l’altro dopo sprofondare nel suo opposto; posso star male e con una notizia cambiare notevolmente il mio umore, essere ferita ma avere la capacità di agire con lucidità: posso essere arrabbiata con una persona ma augurarle tutto il bene del mondo. Presumere è porsi da un punto di vista che tutto sommato può essere solo il mio o non di tutti, intanto nel mentre presumo credo. La presunzione non è mai buona consigliera, quello che sembra logico può risultare la più inopportuna o mendace conclusione. Intanto formuliamo i nostri pensieri senza approfondirli senza immedesimarci, senza indagare con la convinzione che abbiamo, col nostro infallibile metodo, il mondo nelle nostre mani. Prima di giungere a conclusioni, che molto spesso sono quelle che  vogliamo sentirci dire, dobbiamo esserne certi, prima di bollare pensiamo che gli altri possono fare lo stesso di noi e prima di sparlare pensate che l’atteggiamento è comune quindi si può essere  oggetto di presunzione da parte di altri. La realtà è molto più complicata di quello che si vede tanto che noi non la vediamo proprio, ma la presumiamo. Questo lavorio che ci prefiggiamo per conoscerla ci indica proprio il fatto che essa ci sfugge e pur vivendola non la abbiamo nelle mani. Ogni cosa ha una sua luce e una sua ombra e a volta ci limitiamo a vedere mezze cose.

 

84 Viste totale 3 Viste oggi